Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3590 - Grotta 3° al versante S del Col delle Erbe

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 3° al versante S del Col delle Erbe
Nome principale sloveno
Numero catasto 3590
Numero catasto storico 1933FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137078,0
Longitudine Gauss-Boaga 2400457,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 35,3865" (46,37649624)
Longitudine WGS-84 13° 26' 43,8677" (13,4455188)
Latitudine UTM WGS-84 5137054,3
Longitudine UTM WGS-84 380452,6
Quota ingresso 1925
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 20
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 4
Dislivello totale 4
Quota fondo 1921
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta s'apre con un piccolo portale alla base di una paretina situata di fronte alla conca del Boegan, non lontano dalla sommità del Col delle Erbe.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una galleria stretta ed alta nella prima parte, orientata S-N, che s'innesta in un'altra ad orientamento ortogonale, leggermente più bassa e più larga. Il suolo è costituito da grossi blocchi rocciosi nella prima parte e da materiale detritico minuto nella seconda.
Alcuni accenni di continuazione si possono notare all'incrocio fra le due gallerie e nella saletta terminale.
Tutta la cavità è attraversata da correnti d'aria che probabilmente provengono dalle frane che intasano una grossa faglia non molto distante.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-09-1981