Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3581 - Poz d'Aur sul Cuel Tarond

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Poz d'Aur sul Cuel Tarond
Nome principale sloveno
Numero catasto 3581
Numero catasto storico 181FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Carniche
Provincia Udine
Comune Raveo
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 031151 - Avaglio
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5143915,0
Longitudine Gauss-Boaga 2357374,0
Latitudine WGS-84 46° 25' 44,4237" (46,42900658)
Longitudine WGS-84 12° 52' 59,8015" (12,8832782)
Latitudine UTM WGS-84 5143891,9
Longitudine UTM WGS-84 337370,5
Quota ingresso 610
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6
Dislivello totale 6
Quota fondo 604
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della cavità si trova sul Cuel Taront di Raveo, poco a SE della cima quotata 610.
Descrizione dei vani interni della cavità Fessura di origine tettonica, lunga 7m e larga dai 2 ai 4m.

NOTA
Il Cuel Tarond è formato da strati calcarei diretti da NW a SE e fortemente inclinati a NE, che poggiano su una zona di gessi. Il versante NE del monte è a dolce pendio, secondo le superfici degli strati; quello SW è invece assai erto, formato in alto dalle testate degli strati, sotto da un accumulo di materiali di frana. La fessura non è altro che uno spacco dovuto allo scostarsi dalla massa del monte della fetta più esterna, parallelamente alla parete diruta, forse in relazione con erosioni avvenute nei sottostanti gessi. Gli enormi cumuli di frana certo non rappresentano che resti di simili fette, staccate così a ventaglio e poi cadute.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-07-1981