Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 358 - Caverna alla Fonte del Racli

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna alla Fonte del Racli
Nome principale sloveno
Numero catasto 358
Numero catasto storico 122FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Castelnovo del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048154 - Monte Ciaurlec
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5122504,0
Longitudine Gauss-Boaga 2355301,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 9,4097" (46,23594715)
Longitudine WGS-84 12° 51' 49,7716" (12,86382545)
Latitudine UTM WGS-84 5122481,3
Longitudine UTM WGS-84 335297,1
Quota ingresso 950
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 950
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Sopra il sentiero che congiunge le malghe Vallon e Selvapiana con la Casera Fossor, s'innalza una parete di roccia costituita da imponenti bancate calcaree. Ai piedi di questo cornicione si apre questa cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità è una breve e spaziosa caverna, larga circa 6m, il cui fondo è piano e in dolce declivio verso l'esterno. A destra dell'ingresso c'è un'ampia nicchia nella roccia, nella quale, da una stretta fenditura del soffitto, sgocciola dell'acqua. Il soffitto della caverna coincide con un piano di strato ed è percorso nel senso della lunghezza da una fessura che verso l'interno va restringendosi. Più avanti, in fondo ed in alto, si apre un cunicolo da cui esce un filo d'acqua temporaneo. A pochi passi a valle della caverna, in un riparo sottoroccia c'è la Fontana del Racli.
Rilievo Sezione - Effettuato in data: 07-10-1922