Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3563 - Abisso Piramide

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso Piramide
Nome principale sloveno
Numero catasto 3563
Numero catasto storico 5132VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5065168,4
Longitudine Gauss-Boaga 2419703,8
Latitudine WGS-84 45° 43' 57,3362" (45,73259339)
Longitudine WGS-84 13° 42' 39,0291" (13,71084143)
Latitudine UTM WGS-84 5065145,6
Longitudine UTM WGS-84 399697,9
Quota ingresso 201
Data esecuzione posizione 17-08-2006
Affidabilità posizione 5° gruppo riposizionamento regionale GPS (2006)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 50
Autore posizione Grillo Barbara
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 66
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 114
Dislivello totale 114
Quota fondo 87
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre quasi sul fondo di una dolina poco profonda, ingombra nella parte terminale da un grande accumulo di pietre riportate.
Descrizione dei vani interni della cavità Il primo pozzo, parzialmente calcificato, scende verticale per 18 metri. A metri 2.5 dall'ingresso il passaggio è reso malagevole da una strettoia, poi le pareti si allargano e si giunge su un ponte naturale superato il quale si prosegue nel secondo pozzo di 53 metri dove comincia l'erosione che caratterizza tutto l'abisso. Il pozzo, anch'esso verticale, presenta lame, pietre e massi instabili. Le sue dimensioni variano per un susseguirsi di strozzature (da m.0,6x0,6 a m.4x1). A metri 34 di profondità un grande masso instabile, incastrato fra le pareti, forma una sorta di ponte naturale che divide il pozzo a metà. Si prosegue in direzione NW oltrepassando il masso e dopo 19 metri di discesa, si giunge su un ripiano formato da pietre mobili (-85) dal quale si raggiunge una modesta stanza che comunica, mediante una strettoia verticale, con due camini paralleli. Alla base del secondo di questi è stata resa accessibile una fessura che dà accesso a due salti di due metri ciascuno, che terminano su un'ostruzione di detriti.
Tornando alla base del primo camino, una non facile arrampicata di 10 metri su massi instabili conduce ad un'imponente frattura che si perde in alto e che si risale per ripidi gradoni fino ad un salto di 5 metri che immette in una saletta circolare dove si apre l'imbocco franoso di un pozzo. Una comoda discesa di 12 metri si interrompe su di una strettoia tra i massi di frana di un ripiano, al di là de quale una nuova frattura verticale di 10 metri stoppa su di un'ostruzione detritica che costituisce il fondo di un nuovo ramo.

AGGIORNAMENTO
La cavità è stata riesplorata nel 1982.
Dal terrazzo che si incontra a -85m, si raggiunge una modesta stanza che comunica mediante una strettoia verticale con due camini paralleli. Alla base del secondo, tramite una stretta fessura caratterizzata da una discreta corrente d'aria, si giunge a due salti di 6m che terminano con una ostruzione di detriti.
Dalla base del primo camino, invece, una impegnativa arrampicata di 10m su massi instabili conduce ad un'importante frattura che si perde in alto e che si risale per ripidi gradoni fino ad un salto di 5m che immette in una saletta circolare dove sa'pre l'imbocco franoso di un pozzo (P12). Dalla base di questo si prosegue attraverso una strettoia fino a giungere ad un P10 sul fondo del quale un'ostruzione detritica pone termine al nuovo ramo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 28-01-1984
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso