Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3558 - Grotta 1° in Via dei Fiordalisi

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 1° in Via dei Fiordalisi
Nome principale sloveno
Numero catasto 3558
Numero catasto storico 5127VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110104 - Barcola
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5060642,0
Longitudine Gauss-Boaga 2424917,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 33,3517" (45,69259769)
Longitudine WGS-84 13° 46' 43,3745" (13,77871515)
Latitudine UTM WGS-84 5060619,2
Longitudine UTM WGS-84 404910,9
Quota ingresso 306
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7.3
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6
Dislivello totale 6
Quota fondo 300
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Tale cavità venne alla luce durante gli scavi per le fondamenta delle case dell'IACP di Via dei Fiordalisi, a Villa Carsia (Opicina).
Descrizione dei vani interni della cavità Le rocce in loco sono costituite da calcari chiari del Turoniano Superiore a rudiste e radiolari. Gli strati, ben evidenziati e dallo spessore leggermente inferiore al metro, sono orientati NE-SW, con un angolo d'immersione sui 20 gradi.
La cavità possiede un modesto sviluppo ipogeo costituito da un pozzetto, profondo 6m, molto accidentato ed ingombro di materiale clastico incuneato tra le pareti. Il fondo è composto da argille molto umide sulle quali poggiano i detriti precipitati all'interno durante i lavori di disostruzione. Le formazioni calcitiche sono rare mentre quelle d'erosione e corrosione sono molto più evidenti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 06-02-1981