Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 355 - Busate dal Ferol

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Busate dal Ferol
Nome principale sloveno
Numero catasto 355
Numero catasto storico 219FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Tramonti di Sotto
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048102 - Campone
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5125145,0
Longitudine Gauss-Boaga 2350219,0
Latitudine WGS-84 46° 15' 30,415" (46,25844862)
Longitudine WGS-84 12° 47' 49,2428" (12,79701189)
Latitudine UTM WGS-84 5125122,3
Longitudine UTM WGS-84 330215,3
Quota ingresso 475
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 50
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 475
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si apre sul fianco sinistro della valle del Chiarzò, con un'ampia apertura subquadrangolare ben visibile da lontano; è formata da una prima galleria in salita, quasi rettilinea e piuttosto ampia, lunga una ventina di metri e ben illuminata, tanto che sui massi di cui è disseminata vegetano alcune felci. Poi si divide in due rami: quello a destra procede quasi rettilineo e termina dopo una dozzina di metri in fessure impraticabili, quello a sinistra, in salita, è più angusto del primo ed è parzialmente ostruito da massi incastrati fra le pareti. All'estremità del canale più profondo la roccia è rivestita da una sostanza calcarea, bianco-giallognola e analoga al cosiddetto "latte di monte" o "Mondmilch", che in alcuni punti appare particolarmente spessa.
Rilievo Pianta - 1:400 - Effettuato in data: 31-10-1922