Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3539 - Grotta dell'Arciduchessa Carlotta

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta dell'Arciduchessa Carlotta
Nome principale sloveno
Numero catasto 3539
Numero catasto storico 5108VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110052 - Prosecco
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5062052,0
Longitudine Gauss-Boaga 2419650,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 16,3553" (45,70454313)
Longitudine WGS-84 13° 42' 38,8607" (13,71079464)
Latitudine UTM WGS-84 5062029,2
Longitudine UTM WGS-84 399644,0
Quota ingresso 0.8
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 30
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 1
Dislivello totale 1
Quota fondo -0.2
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità s'apre sulla parete dello scoglio che divide il parco di Miramare dal porticciolo di Grignano.
Entrambi gli ingressi sono visibili dal mare.
Descrizione dei vani interni della cavità Si tratta di una caverna, per buona parte allagata, lunga 12m, larga 3m ed alta altrettanto, cui si può accedere da una galleria artificiale che ha l'ingresso, ora chiuso da un portone di ferro, nel Parco di Miramare.
All'interno della cavità vi sono molte tracce di sistemazione ed adattamento, per cui la morfologia originaria è stata completamente sconvolta.

NOTA
Secondo la leggenda, la grotta fu adattata per permettere alla Pricipessa Carlotta, vedova dell'Imperatore Massimiliano, di fare il bagno lontana da occhi indiscreti.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 29-08-1975