Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 347 - Pozzo fra Sales e Sgonico

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo fra Sales e Sgonico
Nome principale sloveno
Numero catasto 347
Numero catasto storico 989VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5065893,7
Longitudine Gauss-Boaga 2421634,4
Latitudine WGS-84 45° 44' 21,8293" (45,73939704)
Longitudine WGS-84 13° 44' 7,8059" (13,73550165)
Latitudine UTM WGS-84 5065870,9
Longitudine UTM WGS-84 401628,5
Quota ingresso 260
Data esecuzione posizione 06-11-2007
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Parzialmente ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 5
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Autore posizione Polli Elio
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Autore posizione Fior Gaia
Gruppo appartenenza PRIVATO - Nessun gruppo di appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 6.5
Dislivello totale 6.5
Quota fondo 253.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si trova a sinistra della strada che da Sgonico conduce a Baita, alla stessa altezza di Colludrozza.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo è caratterizzato da un ampio imbocco, circondato da un filo di ferro, il quale si apre su un declivio prativo che separa due belle colline, ed è stato probabilmente usato per lo scarico di una grande quantità di detriti di spietramento. Sulle pareti si notano massicce concrezioni calcitiche.

AGGIORNAMENTO del 1982:
lo scarico di materiale di spietramento ed in tempi recenti di immondizie, ha ridotto notevolmente la profondità della grotta, che nel 1922 era di 18m.
Attualmente si può scendere facilmente lungo l'inclinato fianco SE, mentre la parete opposta, costituita da roccia molto friabile, è strapiombante.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 20-11-1982