Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3466 - Pozzo 2° sopra Pian delle Lope

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2° sopra Pian delle Lope
Nome principale sloveno
Numero catasto 3466
Numero catasto storico 1838FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050034 - Monte Cergnala
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137834,0
Longitudine Gauss-Boaga 2405301,0
Latitudine WGS-84 46° 23' 2,8883" (46,38413565)
Longitudine WGS-84 13° 30' 29,8702" (13,50829728)
Latitudine UTM WGS-84 5137810,2
Longitudine UTM WGS-84 385296,5
Quota ingresso 1700
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 112
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 82
Dislivello totale 82
Quota fondo 1618
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre nei calcari del Dachstein, 50m sopra il sentiero che dal Monte Robon porta a Sella Nevea, in località Pian delle Lope.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità, notata per la forte corrente d'aria che vi fuoriusciva in una giornata di caldo eccezionale, ha uno sviluppo verticale di 82m, ed è impostata su un'unica frattura con direzione 140°. La grotta, ampia nella sua prima parte, termina in una fessura resa impraticabile da un enorme masso incastrato.
Il giorno 15-10-1994, il pozzo di 27m era occupato da un'enorme massa di neve che lo "tagliava" in due parti (un pozzo di 6m ed uno di 20m). L'accesso al pozzo successivo era bloccato da un'imponente colata di ghiaccio. In quel periodo, i depositi di neve nelle altre grotte della zona erano quasi scomparsi. Si ritiene perciò che l'accumulo di neve in questa cavità, sia destinato a permanere per un lungo periodo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 23-08-1980