Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 344 - Abisso di Fernetti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso di Fernetti
Nome principale sloveno
Numero catasto 344
Numero catasto storico 591VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5059904,9
Longitudine Gauss-Boaga 2428349,1
Latitudine WGS-84 45° 41' 11,1355" (45,68642653)
Longitudine WGS-84 13° 49' 22,5294" (13,82292483)
Latitudine UTM WGS-84 5059882,0
Longitudine UTM WGS-84 408343,0
Quota ingresso 323
Data esecuzione posizione 03-05-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1.3x1.3
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 36
Autore posizione Slama Piero
Gruppo appartenenza SAS - Società Adriatica di Speleologia
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 98
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 47
Dislivello totale 47
Quota fondo 276
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della grotta venne scoperto casualmente, attorno al 1918, da un contadino che stava dissodando un campicello attualmente ridotto ad uno spiazzo incolto, circondato da un basso muretto. Le dimensioni del pozzo vanno aumentando progressivamente e, a 25m dall'imbocco, la parete Ovest rientra bruscamente, formando una vasta caverna quasi triangolare, nella quale giacciono caoticamente accatastati massi di ogni dimensione. Lungo il perimetro della sala si incontrano varie nicchie dove abbondano concrezioni cristalline di vario tipo, tra le quali si cela qualche piccolo bacino d'acqua.
L'ingresso della grotta si trova a poca distanza dalla discarica delle immondizie e se questa dovesse estendersi ulteriormente la cavità verrebbe ostruita.

AGGIORNAMENTO del 1983:
sul lato SE della caverna, a 9,5m da dove si arriva scendendo il pozzo, un esiguo pertugio lascia penetrare in una cavernetta discendente, la cui visita è resa pericolosa da massi in bilico. Sul fondo, in direzione S-SW, si nota un pertugio ancora da esplorare; verso NE si accede ad un fangoso corridoio, interrotto da un pozzetto di 3,1m discendibile senza attrezzatura.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-04-1983
Foto
Data dello scatto: 03-05-2015

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Midena Francesca

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Data dello scatto: 03-05-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Midena Francesca

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia

Data dello scatto: 03-05-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Midena Francesca

Gruppo di appartenenza: SAS - Società Adriatica di Speleologia