Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3428 - Scarloffa 2° a W di Poasso

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Scarloffa 2° a W di Poasso
Nome principale sloveno
Numero catasto 3428
Numero catasto storico 1816FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Carniche
Provincia Udine
Comune Forni di Sopra
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 030151 - Forni di Sopra
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5146244,0
Longitudine Gauss-Boaga 2331320,0
Latitudine WGS-84 46° 26' 35,4295" (46,44317485)
Longitudine WGS-84 12° 32' 36,7063" (12,54352954)
Latitudine UTM WGS-84 5146221,3
Longitudine UTM WGS-84 311316,9
Quota ingresso 1130
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 4.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 23
Dislivello totale 23
Quota fondo 1107
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità, con sviluppo impostato N-S, inizia con un piccolo pozzetto, percorribile anche senzal'ausilio di materiali, che termina su una modesta china detritica.
Un piccolo pozzetto cieco, tra la parete e un pinnacolo con un grosso masso sulla cima, fa da ballatoio al pozzo interno di 16m.
La grotta risulta esplorata parzialmente perchè chi vi è penetrato è stato assalito da un nugolo di moschini che, attirati dalla fiamma della lampada a carburo, gli sono entrati negli occhi in bocca e nel naso rendendogli impossibile la progressione e difficoltosa la risalita, peraltro già resa pericolosa dalla presenza di numerosi massi instabili alla sommità del pozzo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 03-08-1980