Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3282 - Grotta 3° in Val Colvera di Jof

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 3° in Val Colvera di Jof
Nome principale sloveno
Numero catasto 3282
Numero catasto storico 1670FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Frisanco
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048133 - Pian delle Merie
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5118988,0
Longitudine Gauss-Boaga 2341887,0
Latitudine WGS-84 46° 12' 3,4182" (46,2009495)
Longitudine WGS-84 12° 41' 28,7306" (12,69131406)
Latitudine UTM WGS-84 5118965,5
Longitudine UTM WGS-84 321883,3
Quota ingresso 495
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 15.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 495
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Lasciando le auto alla presa dell'acquedotto di Maniago, sul torrente Colvera di Jof, si prosegue a piedi, in piano, per circa 10 minuti, verso la forcella Palla Barzana. Quando si giunge ad una casetta abbandonata, si gira verso sinistra e si entra in una valletta laterale. Di fronte, su una paretina, si trova l'ingresso della cavità.
La grotta è stata siglata, in rosso, con il n°3 e la scritta CSIF.
Descrizione dei vani interni della cavità Dopo la fessura d'accesso, semi ostruita da sassi, la grotta s'apre a campana; sul soffitto si notano alcune tozze stalattiti e, sul fondo, è presente materiale clastico di dimensioni ridotte. All'interno c'è una trincea, scavata in epoca imprecisata.
Sono presenti pipistrelli e salamandre.

NOTA
La grotta fu adibita a rifugio durante l'ultimo conflitto ed è conosciuta dalla popolazione come "Landri Scur".
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-01-1980