Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3280 - Grotta 1° in Val Colvera di Jof

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 1° in Val Colvera di Jof
Nome principale sloveno
Numero catasto 3280
Numero catasto storico 1668FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Frisanco
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048133 - Pian delle Merie
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5118965,0
Longitudine Gauss-Boaga 2341608,0
Latitudine WGS-84 46° 12' 2,4107" (46,20066965)
Longitudine WGS-84 12° 41' 15,7541" (12,68770948)
Latitudine UTM WGS-84 5118942,6
Longitudine UTM WGS-84 321604,3
Quota ingresso 510
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 23
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 510
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si prende il sentiero che dalla presa dell'acquedotto di Maniago risale il torrente Colvera di Jof. Oltrepassata la casa che s'incontra, si prosegue per altri 5 minuti, fino ad arrivare all'interno del grande riparo sotto roccia.
La cavità è stata siglata col n°1 e la scritta CSIF.
Descrizione dei vani interni della cavità Il fondo della grotta si presenta molto rimaneggiato dall'uomo in epoca recente; fu usato dalla popolazione come carbonaia, ovvero bruciavano legna per ricavarne carbone, e come deposito al coperto di fieno.
Dalla popolazione locale è chiamata Landri Daviert.
Rilievo Pianta - Effettuato in data: 27-01-1980