Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 326 - Antro di Casali Neri

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Antro di Casali Neri
Nome principale sloveno
Numero catasto 326
Numero catasto storico 450VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Savogna d'Isonzo / Sovodnje ob Soči
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088111 - San Michele del Carso
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5081543,9
Longitudine Gauss-Boaga 2407277,4
Latitudine WGS-84 45° 52' 40,8796" (45,87802211)
Longitudine WGS-84 13° 32' 50,4883" (13,54735787)
Latitudine UTM WGS-84 5081521,0
Longitudine UTM WGS-84 387272,0
Quota ingresso 191
Data esecuzione posizione 09-11-2019
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.65 x 1.4 m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Cabas Luca
Gruppo appartenenza GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 55
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 14.4
Dislivello totale 14.4
Quota fondo 176.6
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso A lato della strada che da S. Martino del Carso porta ai Casali Neri si trova una dolina, profonda circa 17m, che sul lato Nord presenta una parete verticale: alla base di questa due larghe aperture immettono nella caverna.
Descrizione dei vani interni della cavità Nel 1895 il Club Touristi Triestini visitò la grotta e in una fossa profonda circa 1,6 m, scavata dai cercatori di tesori, venne notata la presenza, ad 1,2 m di profondità, di uno strato di ceneri dello spessore di circa 30 cm, contenenti cocci e resti di pasti. Un esploratore di quel tempo, certo Furlani, rinvenne due pezzi di una stoviglia lavorata a mano ed alcuni frammenti di ossa di animali.

Durante la prima guerra mondiale in questa grotta e nella dolina antistante furono costruiti alcuni ripiani, uniti da gradinate, sui quali numerose baracche di legno offrivano riparo a 1200 militari austriaci; dopo la conquista del Monte San Michele, l'esercito italiano sistemò nella cavità un Comando di Artiglieria. Si racconta che nella grotta c'era un cunicolo, usato dai militari, che sboccava a San Martino del Carso, ma non è mai stato ritrovato.

Successivamente i molteplici e profondi rimaneggiamenti eseguiti in varie epoche hanno compromesso definitivamente la possibilità di effettuare una sistematica indagine sul deposito preistorico esistente nella grotta, certamente la più interessante, sotto questo aspetto, di tutto il Carso Goriziano.

La caverna attualmente è chiusa e vi si trovano alcuni sismografi sistemati dall'Università di Trieste, a cura dell'Istituto di Geodesia, come nella Caverna Generale Ricordi (405/1064VG) e nell'Antro di Colle Nero (427/749VG).

AGGIORNAMENTO del 1970:
Dopo che gli apparecchi scientifici sono stati rimossi e la caverna è stata riaperta, sono state fatte delle esplorazioni accurate e durante gli scavi è venuto alla luce uno stretto cunicolo che sfocia nella nuova piccola diramazione: il fondo per buona parte è costituito da argille rosse e nella parte terminale ci sono degli accumuli di sabbie ed argilla. Nella parte centrale si possono osservare numerose stalattiti.

AGGIORNAMENTO del 1990:
Il Gruppo Speleologico Talpe del Carso nel 1990 ha eseguito il rilevo completo della cavità.

NOTE:
Dal 1965 al 1975 la cavità è stata utilizzata come laboratorio sismologico, quando nella zona erano in corso delle ricerche per il protosincrotrone.
Le Talpe del Carso e la Società di Studi Carsici Lindner hanno eseguito alcune ricerche ed uno studio mineralogico e sedimentologico, nell'ambito della proposta di studio delle nuove frontiere del carsismo, elaborate dalla scuola isontina di ricerche speleologiche.
Da qualche anno la cavità viene usata dal Gruppo Speleo L. V. Bertarelli della Sezione del CAI di Gorizia per la celebrazione della tradizionale Santa Messa in grotta durante la seconda domenica di novembre.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-01-1990
Foto
Data dello scatto: 09-11-2019

Tipo inquadratura: Interno

Autore foto: Cabas Luca

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Descrizione inquadratura: Interno attrezzato con illuminazione per la celebrazione della tradizionale Santa Messa in grotta
Data dello scatto: 09-11-2019

Tipo inquadratura: Esterno

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Data dello scatto: 09-11-2019

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Cabas Luca

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Descrizione inquadratura: Ingresso e "ingresso secondario artificiale" con accesso diretto alla sala principale
Data dello scatto: 09-11-2019

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Luciani Andrea

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Data dello scatto: 09-11-2019

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Cabas Luca

Gruppo di appartenenza: GS BERT. - Gruppo Speleologico Bertarelli

Tipo inquadratura: Ingresso

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino

Gruppo di appartenenza: CAT - Club Alpinistico Triestino