Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3248 - Grotta della Cava Scoria

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta della Cava Scoria
Nome principale sloveno
Numero catasto 3248
Numero catasto storico 5087VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune San Dorligo della Valle / Dolina
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 110154 - Basovizza
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5053367,0
Longitudine Gauss-Boaga 2430470,0
Latitudine WGS-84 45° 37' 40,3314" (45,62786983)
Longitudine WGS-84 13° 51' 4,8871" (13,85135754)
Latitudine UTM WGS-84 5053344,2
Longitudine UTM WGS-84 410463,7
Quota ingresso 355
Data esecuzione posizione 31-10-1979
Affidabilità posizione Incerto
Stato ingresso Distrutto
Dimensione stimata ingresso 1m x 1m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 20
Autore posizione Petronio Marino
Gruppo appartenenza CAT - Club Alpinistico Triestino
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 105
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 46
Dislivello totale 46
Quota fondo 309
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta Si
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità fu scoperta durante i lavori in cava, nei pressi del bosco Bazzoni. Al limite di questa si trovano anche i resti della Grotta del Guanto (37\28VG), ormai quasi completamente distrutta.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità s'apre con un pozzo profondo 20m che porta ad una caverna di discrete dimensioni; alla fine della china che conduce al fondo della caverna s'apre una galleria con le pareti interamente coperte da fiori di roccia e da numerose concrezioni eccentriche. Tale galleria si ricollega ad una serie di pozzi comunicanti che finiscono in un piccolo meandro. Questo è caratterizzato da vasche, formate da un calcare molto puro, ampie
50 X 40cm.

NOTA: la cavità è stata ostruita dallo scoppio di una mina in cava.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-10-1979