Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3230 - Pozzo nel Bosco di Fernetti

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo nel Bosco di Fernetti
Nome principale sloveno
Numero catasto 3230
Numero catasto storico 5073VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061303,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428182,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 56,3493" (45,69898591)
Longitudine WGS-84 13° 49' 13,853" (13,82051471)
Latitudine UTM WGS-84 5061280,1
Longitudine UTM WGS-84 408175,9
Quota ingresso 320
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 25
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 25
Dislivello totale 25
Quota fondo 295
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità fu scoperta subito dopo l'incendio che devastò buona parte della pineta di Fernetti. L'ingresso si trova in una dolina di media grandezza, a circa 2m da un lastrone di roccia.
Descrizione dei vani interni della cavità Una breve galleria porta all'orlo di un pozzo (P25), abbastanza ampio, che è interrotto, dopo 8m, da un ripiano formato da terriccio misto a pietrame. Alla base di questo, un ripido piano detritico porta ad un altro pozzetto, profondo 2m, che termina in un ambiente stretto tra due ponti naturali; sotto i ponti s'apre un altro pozzo, impraticabile, sondato per una decina di metri. Da qui esce una leggera corrente d'aria.
A parte l'ingresso, dove si notano segni di calcificazione, il rimanente della cavità è interessato da una forte erosione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-07-1979