Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3189 - Grotta 1° ad E di Cras

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta 1° ad E di Cras
Nome principale sloveno
Numero catasto 3189
Numero catasto storico 1643FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Drenchia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067041 - Drenchia
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5114351,0
Longitudine Gauss-Boaga 2413997,0
Latitudine WGS-84 46° 10' 27,3841" (46,17427337)
Longitudine WGS-84 13° 37' 35,8894" (13,62663595)
Latitudine UTM WGS-84 5114327,4
Longitudine UTM WGS-84 393992,0
Quota ingresso 542
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 22
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 1
Dislivello totale 1
Quota fondo 541
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Discendendo il ripido canalone che si trova di fronte all'osteria Namor di Cras, sulla sinistra orografica s'incontrano alcuni affioramenti rocciosi che vanno a formare una serie di paretine verticali, alla base delle quali si trova una risorgiva di notevole portata. La cavità s'apre su una di queste paretine, con due ingressi tra di loro comunicanti.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è formata da una bassa galleria, dalla tipica sezione a condotta forzata, interrotta ogni qual tanto da slarghi e strettoie. Il soffitto è interamente formato dal letto di uno strato calcarenitico; il fondo, invece, è costituito da abbondanti depositi graviclastici, alluvionali e di residui insolubili all'azione chimica (polvere e fanghi rossi).

NOTA:all'esterno, vicino all'ingresso più alto, si trova l'entrata di uno stretto cunicolo che potrebbe ulteriormente proseguire.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 11-03-1979