Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3102 - Grotta Nuova a S della Stazione di Aurisina

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Nuova a S della Stazione di Aurisina
Nome principale sloveno
Numero catasto 3102
Numero catasto storico 5030VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110054 - Santa Croce di Trieste
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5066644,6
Longitudine Gauss-Boaga 2417746,5
Latitudine WGS-84 45° 44' 44,124" (45,74559)
Longitudine WGS-84 13° 41' 7,368" (13,68538)
Latitudine UTM WGS-84 5066621,8
Longitudine UTM WGS-84 397740,6
Quota ingresso 155
Data esecuzione posizione 18-09-2013
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,4m x 1,1m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 1.8
Autore posizione Sinigoi Aldo
Gruppo appartenenza AXXXO - Associazione XXX Ottobre
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 107
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 40
Dislivello totale 40
Quota fondo 115
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso di questa cavità s'apre ad una trentina di metri, in direzione SW, dalla Grotta dei Colombi (54\139VG) d'Aurisina.
Descrizione dei vani interni della cavità Un primo salto, alquanto angusto, porta ad una prima cavernetta molto irregolare, con numerose concrezioni, di colore biancastro, di varia forma e grandezza. Al livello del suolo, coperto di detriti, s'apre un angusto passaggio che immette in un'altra cavernetta, un po' più spaziosa e col fondo ricoperto di terriccio. La parete di fronte è interessata da una rientranza poco visibile alla quale dà seguito un pozzetto molto stretto, profondo 3m. Compiendo invece un'arrampicata di un paio di metri, s'arriva ad una nicchia molto concrezionata con numerose stalattiti ed un'esile stalagmite alta una quarantina di centimetri. Dalla parte opposta della cavernetta, un cunicolo alto circa 1m porta, attraverso un passaggio impraticabile, ad un vano che si può raggiungere anche dalla cavernetta iniziale con un salto di 1,2m. Continuando, si giunge ad un'altra cavernetta, sovrastata da un camino che probabilmente, un tempo, comunicava con l'esterno. Sulla destra, a fianco di alcune colonnette, s'apre l'ingresso di un pozzetto profondo 3m che porta in un minuscolo vano dove, superato uno stretto passaggio, si giunge nella parte più bella della cavità. Le dimensioni degli ambienti diventano sempre più grandi e, lungo il cammino, in una prima caverna, si possono osservare numerose concrezioni marmitte e vaschette d'acqua. Proseguendo la discesa, si arriva sul fondo di questa caverna e, risalendo la parte opposta, si raggiunge un ampio portale, drappeggiato da stalattiti, che dà adito ad una galleria in forte pendenza. Mentre il suolo, costituito da una potente colata di calcite in forte pendenza, termina su di un fondo argilloso, la volta, alquanto irregolare, s'innalza andando a formare una caverna che supera i 15m di altezza. A circa 6m d'altezza, parte un ramo ascendendente, piuttosto fangoso, che termina con una strozzatura intasata da depositi calcitici. Dalla caverna, infine, si scende ancora un salto di 3m e si giunge in un'altra caverna, più larga, col suolo quasi orizzontale, dal quale si ergono colonne e belle stalagmiti. Da questo punto, in breve, si giunge sul fondo della grotta; lungo il percorso si trova un altro ramo che si diparte dalla strada principale. Un cunicolo porta, infatti, ad una cavernetta molto irregolare, invasa da argille molto umide che presenta, tra la volta e il riempimento d'argilla, un esiguo passaggio che lascia intravedere un piccolo pozzetto; da qui, alle volte, soffia una debole corrente d'aria.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 25-03-1978
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Data dello scatto: 18-09-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Germanis Roberto

Gruppo di appartenenza: AXXXO - Associazione XXX Ottobre

Data dello scatto: 18-09-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Germanis Roberto

Gruppo di appartenenza: AXXXO - Associazione XXX Ottobre