Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 3062 - Buse da l'Uzzeclap

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Buse da l'Uzzeclap
Nome principale sloveno
Numero catasto 3062
Numero catasto storico 1552FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Nimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049163 - Nimis
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5120106,0
Longitudine Gauss-Boaga 2387950,0
Latitudine WGS-84 46° 13' 17,3909" (46,22149748)
Longitudine WGS-84 13° 17' 15,815" (13,28772639)
Latitudine UTM WGS-84 5120082,8
Longitudine UTM WGS-84 367945,5
Quota ingresso 375
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 35
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 23
Dislivello totale 23
Quota fondo 352
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta Non definito
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Questa cavità si trova ad E di Torlano, in comune di Nimis e la zona dove s'apre l'ingresso è denominata Uzzeclap o Luceclap.
Descrizione dei vani interni della cavità Probabilmente questa cavità è stata distrutta per fare la strada forestale.

NOTA
Le denominazioni Uzzeclap e Luceclap derivano, da quanto riferito dagli anziani del luogo, nel primo caso dal fatto che vi sono rocce arenarie, un tempo utilizzate per affilare utensili da taglio e, nel secondo caso, perché la roccia all'imbocco della cavità, specie se bagnata, riflette i raggi del sole; questa caratteristica, nel passato, era utilizzata come punto di riferimento per i viandanti che si recavano presso la vicina chiesetta di S.Giorgio o al castello, che sorgeva adiacente alla cavità.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1977