Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2929 - Pozzo della Pineta

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo della Pineta
Nome principale sloveno
Numero catasto 2929
Numero catasto storico 5005VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061114,9
Longitudine Gauss-Boaga 2426932,1
Latitudine WGS-84 45° 41' 49,6545" (45,69712624)
Longitudine WGS-84 13° 48' 16,198" (13,80449944)
Latitudine UTM WGS-84 5061092,0
Longitudine UTM WGS-84 406926,0
Quota ingresso 300
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 12.4
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 7.5
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 30
Dislivello totale 30
Quota fondo 270
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della cavità, aperto artificialmente, misura 50 X 60cm e permette di accedere al pozzo d'accesso, profondo poco più di 10m. A qualche metro dal fondo si apre una finestra che porta al pozzo interno (P20); entrambi i pozzi sono resi molto pericolosi dai massi instabili che sono presenti un po' ovunque lungo tutta la discesa.
Sulla parete W del pozzo interno, a circa 5m dalla base, s'apre un'altra finestra; questa porta ad una saletta, sovrastata da un camino, ricoperta sul fondo da detriti. Tra questi s'apre l'imbocco di un saltino, stimato 3m, che rappresenta l'unica possibilità di prosecuzione.
Il pozzo interno è tutto interessato da un'intensa erosione, mentre sulla parete W del primo pozzo sono intense le tracce di una forte calcificazione.
NOTA: l'ingresso della cavità è stato ostruito con dei massi per evitare la probabile caduta d'animali.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-10-1977
Foto
Data dello scatto: 29-03-2017

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: Zona in cui si trova la grotta.
Data dello scatto: 29-03-2017

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Benedetti Gianni

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: L'imbocco della grotta ostruito da sassi e ramaglie.