Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2891 - Abisso ad E del Poligono di Opicina Campagna

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Abisso ad E del Poligono di Opicina Campagna
Nome principale sloveno
Numero catasto 2891
Numero catasto storico 4966VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110101 - Villa Opicina
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5060732,0
Longitudine Gauss-Boaga 2427135,0
Latitudine WGS-84 45° 41' 37,3494" (45,69370818)
Longitudine WGS-84 13° 48' 25,8417" (13,80717824)
Latitudine UTM WGS-84 5060709,1
Longitudine UTM WGS-84 407128,9
Quota ingresso 309
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 36
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 20
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 96
Dislivello totale 96
Quota fondo 213
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, inizialmente abbastanza stretto, presenta ad una decina di metri di profondità un ripiano, molto inclinato, ingombro di massi e pietre mobili cadute in parte durante gli scavi in superficie. Dalla base del pozzo, attraverso uno stretto passaggio, si giunge nel pozzo successivo (P17) che è caratterizzato da grandi ponti naturali e da grosse lame d'erosione poste un po' ovunque. Una strettoia permette l'accesso ad un altro pozzo (P18), anch'esso diviso da un grande ponte naturale, sul fondo del quale c'è una grossa frana; sulla sinistra, c'è un piccolo salto che conduce, attraverso la frana, ad ambienti piuttosto vasti, interessati da grandi ponti naturali e massi inbilico sui vari ripiani. In prossimità dell'ultimo ripiano, c'è una fessura, impraticabile, oltre la quale si trova un pozzo stimato attorno ai 20m; dalla strettoia esce sempre una forte corrente d'aria.
NOTA: tutta la grotta è molta pericolosa a causa delle frane, delle grosse lame di roccia erosa, e dei massi pericolanti che ingombrano tutti i ripiani che ci sono lungo i pozzi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-03-1977