Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2865 - Grotta presso la Pocala

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso la Pocala
Nome principale sloveno
Numero catasto 2865
Numero catasto storico 4940VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5068272,0
Longitudine Gauss-Boaga 2416833,0
Latitudine WGS-84 45° 45' 36,354" (45,76009833)
Longitudine WGS-84 13° 40' 23,8561" (13,67329335)
Latitudine UTM WGS-84 5068249,2
Longitudine UTM WGS-84 396827,2
Quota ingresso 141
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 8.2
Dislivello totale 8.2
Quota fondo 132.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Tale cavità si apre ad un centinaio di metri, in direzione N, dalla caverna Pocala (173\91VG). L'ingresso si trova in un terreno pianeggiante, alquanto accidentato, a pochi passi da un incrocio di sentieri.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è impostata su fratture SW-NE.
Il pozzo d'accesso, inizialmente abbastanza stretto, si allarga verso il fondo e giunge in una caverna lunga 14m, larga in media 1,5 e alta 3m. Il tratto di fondo posto sotto l'orifizio è costituito da materiale detritico poggiante su di un manto d'argille molto umide che, unitamente ai cospicui depositi di calcite lungo le pareti, intasano completamente la grotta, impedendo così qualsiasi prosecuzione.
La parte di cavità rivolta verso W termina dopo qualche metro con una piccola caverna, pressappoco circolare, intensamente concrezionata e con forme stalattitiche anche di grandi dimensioni; sono presenti colate lungo le pareti e qualche bassa formazione stalagmitica poggiante sulle argille di fondo.
La grotta funge da rifugio invernale per qualche rettile (sono stati trovati esemplari vivi e ormai ridotti a scheletro).
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-11-1976