Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2864 - Pozzo presso l'Abisso dei Due Cercatori

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo presso l'Abisso dei Due Cercatori
Nome principale sloveno
Numero catasto 2864
Numero catasto storico 4939VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110051 - Sgonico
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5065141,2
Longitudine Gauss-Boaga 2419670,9
Latitudine WGS-84 45° 43' 56,4379" (45,73234387)
Longitudine WGS-84 13° 42' 37,5276" (13,71042432)
Latitudine UTM WGS-84 5065118,4
Longitudine UTM WGS-84 399665,0
Quota ingresso 208
Data esecuzione posizione 17-08-2006
Affidabilità posizione 5° gruppo riposizionamento regionale GPS (2006)
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2m x 1m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2
Autore posizione Grillo Barbara
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 35
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 58.5
Dislivello totale 58.5
Quota fondo 149.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni certe (accessibili)
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Appartenente al complesso Complesso Abisso dei Due Cercatori
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova nei pressi dell'Abisso dei Due Cercatori (1038\3895VG).
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è impostata su fratture che hanno direzione NS-EW. Le pareti sono costituite da calcari molto compatti del turoniano e si presentano ora intensamente concrezionate, ora in fase di ringiovanimento, specie nella parte terminale del pozzo principale che è, infatti, caratterizzato da profonde incisioni e lame taglienti, dovute evidentemente al forte ruscellamento delle acque interne lungo le pareti del pozzo stesso.
Il tratto iniziale, molto angusto, è rappresentato da alcuni saltini interrotti da materiale detritico incuneato e da depositi d'argille. Le pareti e la volta sono ricoperte da un velo di concrezione, con qualche rara forma stalattitica.
Ad una decina di metri di profondità c'è una cavernetta di forma allungata sul cui fondo roccioso c'è uno strato d'argilla umida e di detriti precipitati durante i lavori di disostruzione. Verso la parte terminale di questo vano s'apre l'ingresso, allargato artificialmente, del P47,50. Dopo alcuni metri di discesa sono presenti alcune fratture che si dipartono dal pozzo stesso e vanno a formare delle cavernette abbastanza concrezionate, sul fondo delle quali si aprono dei pozzi laterali, non discesi, che comunicano, una quindicina di metri più in basso, col pozzo principale.
A quota -27, c'è un piccolo ripiano; da qui, attraverso uno stretto passaggio, si giunge in una diramazione laterale dove il pozzetto terminale non è stato esplorato viste le esigue dimensioni. Il fondo in ogni caso s'intravede 6-7m più in basso e alcune pietre lanciate all'interno, hanno proseguito oltre a questo punto osservato ancora una decina di metri.
La base del pozzo principale è costituita da roccia viva nella quale si aprono delle fessure ingombre di detriti; da queste sale una debole corrente d'aria.

AGGIORNAMENTO 2009
A circa 20 metri dal fondo del P47 della VG 4939, con facile pendolo, si è raggiunto un terrazzino. Da esso si effettua verso l'alto un'arrampicata di 2-3° di una ventina di metri, che porta in ambienti molto concrezionati, fino ad un camino che si restringe. Tornando sul terrazzo ed effettuando un breve lavoro di scavo, si è reso accessibile un pozzetto di m 5 e un secondo pozzetto, sempre di m 5. Si percorre quindi un meandro ben concrezionato e dopo una strettoia a gomito si sbocca nella VG 3895, a circa 15 metri da uno dei fondi laterali.

Rilievo Completo - 1:400 - Effettuato in data: 26-04-2009
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso