Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2820 - Grotta di Cras

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta di Cras
Nome principale sloveno
Numero catasto 2820
Numero catasto storico 1382FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Drenchia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067044 - Topolò
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5114480,0
Longitudine Gauss-Boaga 2413558,0
Latitudine WGS-84 46° 10' 31,3162" (46,17536562)
Longitudine WGS-84 13° 37' 15,3169" (13,62092136)
Latitudine UTM WGS-84 5114456,4
Longitudine UTM WGS-84 393553,0
Quota ingresso 675
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 5
Dislivello totale 5
Quota fondo 670
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Poco prima della curva dalla quale è possibile vedere le prime case di Cras, si osserva, sulla destra della strada che arriva da Clodig, una bancata d'arenaria su cui poggia la breccia calcarea.
La cavità si apre tra il contatto di questi due tipi di roccia e l'ingresso è ben visibile dalla strada.
Descrizione dei vani interni della cavità La volta della cavità è costituita da arenaria mentre le pareti ed il fondo sono costituiti da breccia calcarea; le sezioni sono rettangolari e le pareti sono intensamente fratturate in tutto il complesso.
All'interno della grotta si apre un pozzetto le cui sezioni sono circolari. Il fondo, sia del pozzo sia della grotta, è interessato da abbondante materiale clastico, cementato, in parte, da argille.

NOTA: tale cavità è venuta alla luce dopo le opere di sbancamento eseguito per allargare la sede stradale.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 22-02-1976