Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 282 - La Mosareiz

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale La Mosareiz
Nome principale sloveno
Numero catasto 282
Numero catasto storico 208FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Travesio
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048154 - Monte Ciaurlec
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5123584,0
Longitudine Gauss-Boaga 2353037,0
Latitudine WGS-84 46° 14' 42,3891" (46,24510807)
Longitudine WGS-84 12° 50' 2,7643" (12,8341012)
Latitudine UTM WGS-84 5123561,3
Longitudine UTM WGS-84 333033,2
Quota ingresso 800
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 10
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 8
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 30
Dislivello totale 30
Quota fondo 770
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre a 1580m a Sud - 10°Est dalla chiesa di Campone ed è una fessura inizialmente larga due metri, orientata Nord-Sud, che scende in interstrato con un'inclinazione di 80°.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta è accessibile per una decina di metri, dopo i quali però diventa molto stretta e non permette di proseguire, pur essendo stata stimata una continuazione di almeno 20m.
La grotta, già segnalata dal Feruglio nel 1922, fu in seguito esplorata e visitata dal Meeraus durante una spedizione di ricerche entomologiche.
Rilievo Sezione - 1:200