Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2817 - Cavernetta in località Lerada

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Cavernetta in località Lerada
Nome principale sloveno
Numero catasto 2817
Numero catasto storico 1379FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Attimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050133 - Subit
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5118861,3
Longitudine Gauss-Boaga 2394359,6
Latitudine WGS-84 46° 12' 41,4485" (46,21151346)
Longitudine WGS-84 13° 22' 16,0692" (13,37113032)
Latitudine UTM WGS-84 5118838,0
Longitudine UTM WGS-84 374355,0
Quota ingresso 680
Data esecuzione posizione 23-02-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 2m x 2m
Tipo ingresso Cavernetta
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Romanin Rosa
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 680
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Tale cavità si trova nei pressi della strada asfaltata che congiunge Subit a Prossenicco e, precisamente, poco a N del ponticello che scavalca il Rio che s'immette nel T.Cernavoda a quota 683 della carta IGM, tra la località di Lerada e Padladin.
L'ingresso si trova alla base di una ripida parete di roccia calcarea che sovrasta il Rio sulla riva destra (orografica).
La zona è ricca di vegetazione, in prevalenza acacie.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta, caratterizzata da un ingresso piuttosto ampio, presenta un pavimento che verso il fondo s'innalza leggermente e mette in evidenza un basamento di roccia arenaceo-marnosa, su cui poggia la volta della cavità, costituita da brecciola calcarea.
Sulla destra, per chi entra, un'apertura di 1,30 X 0,50m immette in un breve meandro, con sezioni vagamente triangolari, con le pareti levigate ed interessate da alcune "evorsioni". Questa parte della cavità è piuttosto asciutta e con il fondo coperto di materiale alluvionale (terriccio anche molto fine); non sono invece presenti depositi litogenetici o clastici.
Nella prima parte della grotta, al contrario, vi sono depositi clastici con materiale a spigolo vivo, più abbondante verso la parete destra, e depositi alluvionali (argille), sul fondo.
Si nota un leggero stillicidio lungo le pareti di fondo.

NOTA - sono state registrate le seguenti temperature: parete E - 9,5°C -
parete di fondo - 8,2°C -
inizio cunicolo - 7.6°C -.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 16-03-1975
Foto
Data dello scatto: 23-02-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano

Data dello scatto: 23-02-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano