Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2715 - Grotta Montagnani

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta Montagnani
Nome principale sloveno
Numero catasto 2715
Numero catasto storico 4913VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Goriziano
Provincia Gorizia
Comune Monfalcone
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 088152 - Monfalcone-Stazione
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5073470,0
Longitudine Gauss-Boaga 2407456,0
Latitudine WGS-84 45° 48' 19,4616" (45,80540601)
Longitudine WGS-84 13° 33' 5,556" (13,55154332)
Latitudine UTM WGS-84 5073447,2
Longitudine UTM WGS-84 387450,4
Quota ingresso 18
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 25.6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20.8
Dislivello totale 20.8
Quota fondo -2.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre dentro un garage privato (di proprietà del sig. Montagnani Marcello) nel centro abitato di Monfalcone, in via Androna Caprin, 6.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è impostata in una serie di fratture in direzione 165° SE-NW. E' una cavità a prevalente andamento verticale; l'ultimo pozzetto ha il fondo allagato e non presenta prosecuzioni. In tutta la cavità si notano resti del materiale utilizzato per costruire la scala sul primo pozzo, dove è stata allestita dal proprietario una cantina; verso il fondo gli strati calcarei presentano numerosi fossili di rudiste in rilievo per erosione differenziata.
L'acqua nella cavità ha una temperatura di 1°C superiore all'acqua presente nelle grotte allagate contigue e dall'analisi microbiologica si è evidenziato un notevole inquinamento batteriologico di probabile origine fecale. E' stato anche visto un proteo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-06-1986