Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 27 - Pozzo presso Rupingrande

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo presso Rupingrande
Nome principale sloveno
Numero catasto 27
Numero catasto storico 13VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 110061 - Colle dell’Anitra
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5064143,0
Longitudine Gauss-Boaga 2426040,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 27,3182" (45,72425506)
Longitudine WGS-84 13° 47' 32,8469" (13,79245747)
Latitudine UTM WGS-84 5064120,1
Longitudine UTM WGS-84 406034,0
Quota ingresso 325
Data esecuzione posizione 02-02-1930
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso Sotto tracciato oleodotto
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 14
Autore posizione Cosmini Bruno
Gruppo appartenenza AXXXO - Associazione XXX Ottobre
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 18
Dislivello totale 18
Quota fondo 307
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta si trova nei pressi delle ultime case di Rupingrande e il suo ingresso è costituito da una stretta fessura lunga circa 2m con l'asse N-S, e costituisce la bocca di un pozzo verticale, profondo 14m, il quale gradatamente si allarga fino a che al fondo raggiunge un'ampia camera, lunga 8m e larga 5m, con il pavimento completamente coperto da materiale detritico. Verso Ovest si apre un foro alto circa 1.5m dal quale scende un piccolo pozzo verticale di 3m con il quale si raggiunge la massima profondità della grotta, in tutto 18m.
Il pozzo era usato per lo scarico di rifiuti e carogne di animali domestici. La visita risulta pertanto sconsigliabile per motivi igienici. Attualmente il cumulo detritico di fondo è coperto da immondizie.
Cavità successivamente ostruita durante gli scavi dell'Oleodotto.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 02-02-1930