Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2661 - Grotta presso Opicina Campagna

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso Opicina Campagna
Nome principale sloveno
Numero catasto 2661
Numero catasto storico 4880VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5061537,0
Longitudine Gauss-Boaga 2426974,0
Latitudine WGS-84 45° 42' 3,35" (45,70093056)
Longitudine WGS-84 13° 48' 17,8442" (13,80495672)
Latitudine UTM WGS-84 5061514,1
Longitudine UTM WGS-84 406967,9
Quota ingresso 301
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 2.8
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 26
Dislivello totale 26
Quota fondo 275
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso della cavità si apre in una leggera depressione del terreno e misura 1 X 1m.
Descrizione dei vani interni della cavità Sceso il pozzo d'accesso (P2,8), anche senza l'ausilio delle corde, si percorre un tratto in discesa, con forte pendenza, fino a giungere ad una piccola caverna scarsamente concrezionata. Da qui, dopo due brevi salti, si raggiunge un pozzo profondo 7,2m alla base del quale si diramano due piccole caverne sulle cui pareti vi sono segni evidenti d'erosione provocata dall'acqua. Nella caverna di destra, una stretta fessura ingombra di detriti potrebbe rappresentare una prosecuzione.
Alla base del P7,2, attraverso uno stretto passaggio, si giunge ad un altro pozzo, della stessa profondità, anch'esso caratterizzato da pareti fortemente erose dall'acqua. Sul fondo di questo, fra detriti instabili e coperti da uno strato d'argilla, la cavità continua ma, per proseguire, è necessario puntellare le pareti per impedire la caduta di massi.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-12-1974
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso