Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2646 - Pozzetto 1° a N del Colle Pauliano

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzetto 1° a N del Colle Pauliano
Nome principale sloveno
Numero catasto 2646
Numero catasto storico 4865VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110063 - Borgo Grotta Gigante
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5063601,0
Longitudine Gauss-Boaga 2423386,0
Latitudine WGS-84 45° 43' 8,4458" (45,71901273)
Longitudine WGS-84 13° 45' 30,4842" (13,75846782)
Latitudine UTM WGS-84 5063578,2
Longitudine UTM WGS-84 403380,0
Quota ingresso 278
Data esecuzione posizione 31-12-1999
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 11
Autore posizione Manzoni Marco
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 3
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 11
Dislivello totale 11
Quota fondo 267
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Pozzetto impostato su frattura con direzione NNE-SSW; nel primo tratto, piuttosto stretto, si apre una nicchia sormontata da un breve camino. Dopo 5 metri il pozzo si allarga mantenendo poi costanti le dimensioni sino al fondo; questo è formato da detriti alloctoni, probabilmente gettati dai contadini a seguito dello spietramento dei campi, e depositi litogenici appena marcati, sotto forma di colatine calcitiche. Sulla parete SE è evidente la stratificazione della roccia, in corrispondenza di due fessure impraticabili, che con adeguati lavori di allargamento, potrebbero dar adito a nuove prosecuzioni.

POSIZIONE PRECEDENTE: 1°18'21"- 45°43'03"
Rilievo Completo - Effettuato in data: 09-03-1975