Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2644 - Grotta presso Rupingrande

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso Rupingrande
Nome principale sloveno
Numero catasto 2644
Numero catasto storico 4863VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS differenziale
Latitudine Gauss-Boaga 5063357,7
Longitudine Gauss-Boaga 2426322,9
Latitudine WGS-84 45° 43' 2,0163" (45,71722674)
Longitudine WGS-84 13° 47' 46,4774" (13,79624371)
Latitudine UTM WGS-84 5063334,8
Longitudine UTM WGS-84 406316,9
Quota ingresso 362
Data esecuzione posizione 14-09-2005
Affidabilità posizione 4° gruppo riposizionamento regionale GPS (2005)
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 3
Autore posizione Tognolli Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Autore posizione Sgambati Alessandro
Gruppo appartenenza ISP FOR - Ispettorato Ripartimentale Foreste
Autore posizione Martinuzzi Susanna
Gruppo appartenenza RIP.REG. - Riposizionamento Regionale
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 75
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 67
Dislivello totale 67
Quota fondo 295
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità si apre con un pozzetto di 3m e, dopo un breve tratto in discesa, superata una strettoia, si esce su un pozzo di 18m alla base del quale partono tre diramazioni.
RAMO NORD: dopo pochi metri porta ad un pozzetto di 6m con fessure impraticabili
RAMO SUD: dalla base del P18 si scende la china detritica e quindi una serie di pozzetti (5,7 e 4m) che portano al fondo di questo ramo.
RAMO DEL FONDO: questo tratto si sviluppa in direzione SW e porta al punto più profondo della cavità. Attraverso una finestra ed un salto di 2m (lo stesso punto può venire raggiunto da una finestra superiore, situata nel pozzo d'entrata) la grotta continua per un breve tratto sub-orizzontale, seguito da un primo salto di 5m e da un pozzo di 21m. Quest'ultimo però, non viene sceso completamente; a 6m dal fondo, in direzione NE, attraverso una strettoia, si giunge ad un saltino di 2,5m che porta all'unica zona fangosa della grotta, mentre in direzione SW, facendo una breve arrampicata e attraversando una fessura, si giunge nel vano successivo dove si trova un pozzo cieco di circa 10m. Quest'ultimo è sovrastato da un camino leggermente inclinato e diviso da un crollo concrezionato, sopra al quale una strettoia in parete immette in un altro pozzo di 25m. Un'ennesima strettoia ed un ultimo salto di 3m portano a raggiungere la quota massima di -67m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-05-1975
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso