Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2629 - Grotta nel Bosco di Gropada

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta nel Bosco di Gropada
Nome principale sloveno
Numero catasto 2629
Numero catasto storico 4848VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110113 - Padriciano
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5056949,0
Longitudine Gauss-Boaga 2430369,0
Latitudine WGS-84 45° 39' 36,3276" (45,66009101)
Longitudine WGS-84 13° 50' 57,8512" (13,84940311)
Latitudine UTM WGS-84 5056926,2
Longitudine UTM WGS-84 410362,8
Quota ingresso 414
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 6.1
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 22.5
Dislivello totale 22.5
Quota fondo 391.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre sul fianco di una vasta dolina, posta nel mezzo di una folta pineta, che si trova sul massimo rilievo della strada che da Gropada porta al cimitero di Basovizza.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'accesso, profondo 6,10m, inizialmente è molto stretto poi gradatamente si allarga (1 X 1,80m) e termina su un gran masso incastrato tra le pareti. Segue un salto di 3,80m, molto viscido e con tratti di parete coperti completamente di fango; la base è composta da un grande ponte naturale ai lati del quale si aprono due aperture. Quella a W diventa immediatamente impraticabile mentre quella ad E permette di giungere ad un altro pozzo, di 6,10m, che termina in una saletta abbastanza ampia ed alta, unico ambiente calcificato dell'intera cavità. Un ultimo pozzo porta al fondo della cavità dove, in direzione N-W, si apre un cunicolo che si restringe, diventando una fessura impraticabile in direzione S-E
NOTA: la discesa in questa cavità è abbastanza pericolosa a causa dei numerosi massi instabili e soprattutto a causa della gran quantità di fango viscido posto un po' ovunque.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 01-12-1974