Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2615 - Pozzo 2° nella Conca dei Camosci

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 2° nella Conca dei Camosci
Nome principale sloveno
Numero catasto 2615
Numero catasto storico 1276FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Chiusaforte
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 050024 - Stretti
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5137026,0
Longitudine Gauss-Boaga 2399964,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 33,3883" (46,3759412)
Longitudine WGS-84 13° 26' 20,8469" (13,43912414)
Latitudine UTM WGS-84 5137002,3
Longitudine UTM WGS-84 379959,6
Quota ingresso 1830
Data esecuzione posizione 01-08-1975
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Autore posizione Trippari Mario
Gruppo appartenenza AXXXO - Associazione XXX Ottobre
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 25
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 19
Dislivello totale 19
Quota fondo 1811
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Gli ingressi della cavità si trovano sul secondo gradone posto a S del sentiero che dall'Abisso C.Prez (2037\884FR) porta in direzione dell'Abisso E.Boegan (1361\555FR).
Descrizione dei vani interni della cavità Dalla base dei due pozzi d'accesso, che giungono nella stessa stanza, si scende una china innevata fino ad una sala abbastanza ampia; qualche metro prima di questa, invece, facendo una breve arrampicata, si raggiungere uno stretto meandro ascendente che, dopo alcuni metri, si restringe fino al punto di rendere impossibile la prosecuzione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-08-1975