Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 261 - Glazzere del Monte Ciampon

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Glazzere del Monte Ciampon
Nome principale sloveno
Numero catasto 261
Numero catasto storico 81FR
Numero totale ingressi 2

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Gemona del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049114 - Monte Chiampon
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5128820,0
Longitudine Gauss-Boaga 2379789,0
Latitudine WGS-84 46° 17' 53,699" (46,29824973)
Longitudine WGS-84 13° 10' 45,7328" (13,17937021)
Latitudine UTM WGS-84 5128796,8
Longitudine UTM WGS-84 359784,8
Quota ingresso 1544
Data esecuzione posizione 10-08-1991
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 16.5
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 34
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 21
Dislivello totale 21
Quota fondo 1523
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Seguendo il sentiero che risale il versante settentrionale del Monte Ciampon, in prossimità di una depressione si diparte una traccia, segnata con colore rosso, che porta ai i tre ingressi della cavità, che si aprono nei calcari dolomitici.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso più accessibile conduce in un pozzo profondo una dozzina di metri che dà accesso ad una vasta sala dal fondo parzialmente occupato da neve. Un piccolo salto di 4m, porta in una stanzetta parzialmente innevata che è la parte più profonda della cavità.

AGGIORNAMENTO del 1991:
l'ingresso superiore della grotta è diviso in più parti da un ponte di roccia e da alcuni grossi massi. Entrando dall'ingresso meridionale, a circa metà discesa, si vede una finestrella che comunica con il vicino Pozzo con neve del Monte Ciampon (14/82FR). Subito dopo ci si immette in una caverna di 5.5m x 7m, alta una decina di metri, nella quale sfocia il pozzo d'accesso di 11m che si apre un po' più in basso rispetto agli altri due. Dalla caverna, verso Nord si incontrano altre due cavernette, divise da un blocco roccioso, sopra le quali si affacciano due camini, mentre dalla sua parte centrale, verso Est, si può accedere ad una cavernetta di 4m x 8m. In direzione Sud, infine, si può percorrere un breve corridoio di 3m.
Nella cavità permangono per tutto l'anno depositi di neve misti a ghiaccio. Alcune pareti sono alquanto friabili ed in una visita effettuata nel 1980 è stato osservato un crollo recente, dovuto probabilmente a fenomeni sismici.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 10-08-1991