Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 256 - Grotticella a valle della Ta Pot Korito Jama

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotticella a valle della Ta Pot Korito Jama
Nome principale sloveno
Numero catasto 256
Numero catasto storico 69FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Nimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049164 - Chialminis
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5123003,3
Longitudine Gauss-Boaga 2387718,4
Latitudine WGS-84 46° 14' 51,0569" (46,2475158)
Longitudine WGS-84 13° 17' 2,0867" (13,28391298)
Latitudine UTM WGS-84 5122980,0
Longitudine UTM WGS-84 367714,0
Quota ingresso 605
Data esecuzione posizione 13-07-2013
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,8m x 0,5m
Tipo ingresso Cunicolo
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 9
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 605
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotticella si raggiunge scendendo dalla strada che da Chiaminis conduce a Villanova, nella valletta di "Ta Pot Cletia" (valletta che sbocca nella valle di Tanaloho, dove si aprono le più note grotte di Viganti e Doviza). A circa metà della valletta, in corrispondenza dell'ingresso della 68FR(Ta Pot Korito Jama), ma sul lato opposto, al contatto fra la breccia calcarea e le arenarie marnose (eocene), si apre il piccolo ingresso della cavità. Tale ingresso è l'antico sbocco -ora asciutto- della sorgentella che sgorga lì vicino (a circa 5m di distanza e due metri più in basso).
Descrizione dei vani interni della cavità Al fondo della cavità scorre il corso d'acqua che si avvia verso la sorgente.

AGGIORNAMENTO del 1982:
la cavità è composta da due rami: un cunicolo a destra, già visitato in parte dal De Gasperi nel 1910, che dopo circa 4m diventa impraticabile, ed uno a sinistra che, dopo un breve lavoro di scavo, ha permesso di raggiungere un piccolo vano, leggermente in pendenza, che termina con sfasciume. Nel cunicolo a destra ci sono alcune piccole concrezioni e si può sentire un debole rumore d'acqua.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 17-06-1982
Foto
Data dello scatto: 13-07-2013

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano

Data dello scatto: 13-07-2013

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano