Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2551 - Pozzo a W di Berda

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo a W di Berda
Nome principale sloveno
Numero catasto 2551
Numero catasto storico 1212FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Prepotto
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067072 - Altana
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5106517,8
Longitudine Gauss-Boaga 2409848,2
Latitudine WGS-84 46° 6' 11,3" (46,10313889)
Longitudine WGS-84 13° 34' 29" (13,57472222)
Latitudine UTM WGS-84 5106494,4
Longitudine UTM WGS-84 389843,1
Quota ingresso 460
Data esecuzione posizione 09-03-2014
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,5 x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8.5
Autore posizione Tavagnutti Maurizio
Gruppo appartenenza CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer
Autore posizione
Gruppo appartenenza
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5.2
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 12.5
Dislivello totale 12.5
Quota fondo 447.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Tale pozzo si apre alla base di una paretina rocciosa e lo si osserva seguendo un sentiero, poco marcato, che si diparte dal paese di Berda in direzione NW.
Descrizione dei vani interni della cavità Esso è formato da due salti di modeste dimensioni ed il secondo è parzialmente occupato da un bacino d'acqua la cui profondità è stata stimata di 3 m. La presenza di abbondanti depositi litogenetici (stalattiti e stalagmiti) in quest'ultima parte, fanno pensare che la cavità possa proseguire ulteriormente. Al momento dell'esplorazione la zona era stata interessata da forti piogge e perciò risulta interessante ritornare in un periodo di siccità. Da notare, inoltre, che nella zona sottostante si apre anche la grotta di Mulin Vecchio (2552\1213FR) con la quale non si può escludere, a priori, qualche collegamento.

Al ritrovamento del primo pozzo si è giunti mediante uno scavo e l'apertura di un breve cunicolo artificiale. Ciò è stato fatto dagli abitanti del luogo, dopo che un "rabdomante" aveva segnalato, proprio in quel sito, la presenza di abbondanti acque.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 13-10-1974
Foto
Data dello scatto: 09-03-2014

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Susmel Gianni

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Descrizione inquadratura: panoramica
Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Susmel Gianni

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Descrizione inquadratura: particolare ingresso
Data dello scatto: 09-03-2014

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Susmel Gianni

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer