Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2505 - Pozzo 5° a S del Monte Sart

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 5° a S del Monte Sart
Nome principale sloveno
Numero catasto 2505
Numero catasto storico 1163FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Alpi Giulie
Provincia Udine
Comune Resia
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050011 - Monte Sart
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5136997,0
Longitudine Gauss-Boaga 2397386,0
Latitudine WGS-84 46° 22' 30,786" (46,37521832)
Longitudine WGS-84 13° 24' 20,2458" (13,40562382)
Latitudine UTM WGS-84 5136973,3
Longitudine UTM WGS-84 377381,7
Quota ingresso 2029
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 30
Autore posizione Mikolic Umberto
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 11
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 31
Dislivello totale 31
Quota fondo 1998
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Descrizione dei vani interni della cavità Due ingressi, con l'asse maggiore ortogonale all'andamento della cavità, danno accesso ad un ampio vano la cui morfologia unitaria è interrotta dalla presenza di un ponte di roccia; da quota -13 al fondo è presente un abbondante deposito nivale.


NOTA AGGIORNAMENTO MIKOLIC 07/08/1996: la cavità è stata visitata in un periodo caratterizzato dalla scarsa presenza di neve. Dopo una discesa verticale di 16 metri, ci si trova su un piano inclinato di neve mista a ghiaccio. A -26 m si tocca un primo fondo pianeggiante in cui s'aprono due fori: il primo consiste di un pozzetto di m 7 con una sottostante cavernetta nel ghiaccio che porta alla massima profondità di m 33; il secondo s'apre tra ghiaccio e roccia ed è percorribile per circa 5 metri.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 27-07-1974