Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 248 - Grotta del Carniello

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta del Carniello
Nome principale sloveno
Numero catasto 248
Numero catasto storico 33FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Cividale del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067101 - Cialla
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5106188,0
Longitudine Gauss-Boaga 2402837,0
Latitudine WGS-84 46° 5' 56,4213" (46,09900592)
Longitudine WGS-84 13° 29' 2,8378" (13,4841216)
Latitudine UTM WGS-84 5106164,8
Longitudine UTM WGS-84 382832,1
Quota ingresso 166
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 8
Autore posizione Non specificato
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 8
Dislivello totale 8
Quota fondo 158
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal paese di Purgessimo si deve percorrere la strada che segue il fiume, fino a raggiungere i ruderi del vecchio acquedotto di Cividale. Da qui si prosegue fino alla bocca di presa del vecchio acquedotto presso cui un tempo si apriva la cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta ora è chiusa dalla costruzione eretta tempo fa per raccogliere le sue acque. Si segnala egualmente per l'interesse storico che riveste in quanto tali acque causarono una violenta epidemia di tifo a Cividale.