Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2454 - Inghiottitoio nella Forra del Torrente Cosa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Inghiottitoio nella Forra del Torrente Cosa
Nome principale sloveno
Numero catasto 2454
Numero catasto storico 1112FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Castelnovo del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 048151 - Clauzetto
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5122078,0
Longitudine Gauss-Boaga 2356550,0
Latitudine WGS-84 46° 13' 56,7016" (46,23241712)
Longitudine WGS-84 12° 52' 48,5787" (12,88016074)
Latitudine UTM WGS-84 5122055,3
Longitudine UTM WGS-84 336546,1
Quota ingresso 345
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 104
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 17
Dislivello totale 17
Quota fondo 328
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre sul versante orografico destro della forra del Torrente Cosa, dopo circa 300 m dalla confluenza col Rio Secco. L'inghiottitoio si apre all'altezza dell'alveo del Torrente Cosa.
Descrizione dei vani interni della cavità L'inghiottitoio riceve parte delle acque di perdita del torrente Cosa, le quali si riversano in abbondanza nella cavità, creando alle volte qualche difficoltà a chi vi entra. La parte terminale della cavità è suscettibile a trasformazioni date dalle notevoli masse alluvionali trasportate dall'acqua.
Entrando in questa grotta, subito sulla sinistra, è possibile osservare una bellissima marmitta d'erosione.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 14-04-1974