Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2445 - Sogno Bianco e Sogno Nero

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Sogno Bianco e Sogno Nero
Nome principale sloveno
Numero catasto 2445
Numero catasto storico 1103FR
Numero totale ingressi 2

Scopritori
Data scoperta
Note scoperta L'ingresso è stato scoperto da Valerio Pin, Luciano Polesel, Luigi pomponi, Antonio Fornasier, Andrea Fersuoch, Emanuela Sitta, Giuseppe Tormene, Paolo fabbro, Emanuele Zanchettin, Lavinia Natalino.

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Carniche
Provincia Pordenone
Comune Polcenigo
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 064092 - Piano del Cansiglio
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5103808,8
Longitudine Gauss-Boaga 2319897,6
Latitudine WGS-84 46° 3' 30,1382" (46,05837172)
Longitudine WGS-84 12° 24' 46,7171" (12,41297698)
Latitudine UTM WGS-84 5103787,0
Longitudine UTM WGS-84 299894,0
Quota ingresso 1006
Data esecuzione posizione 26-06-2011
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 3m x 9m
Tipo ingresso Caverna
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Pierasco Alessandro
Gruppo appartenenza GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 247
Sviluppo spaziale 463
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 101
Dislivello totale 101
Quota fondo 905
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Dal Pian Cansiglio, lasciata la strada SR 622, si seguono i segnali turistici per il Bus della Lum. Superato il parcheggio sulla destra, si prosegue per ancora circa 100m fino ali' area pic-nic, quindi ci si inoltra nel bosco percorrendo una comoda mulattiera. Superata una piccola sella, si scende sul fondo di una grande dolina ai cui margini si apre l'antro della grotta del Sogno Bianco che rappresenta l' ingresso basso del complesso.
Per raggiungere la grotta del Sogno Nero, che rappresenta l'ingresso alto del complesso, bisogna tornare alla sella precedentemente menzionata e proseguire verso Est lungo il crinale. L'ampia imboccatura della grotta si apre dopo 150m circa, sotto un costone di roccia che da sul Pian Cansiglio
Descrizione dei vani interni della cavità La grotta del Sogno Nero si presenta come una ampia fessura larga fino a 3-4m ed alta fin oltre i 20m con andamento principalmente verticale.
I pozzi e i salti si susseguono fino alla sala del fondo alla profondità di -98m . Al termine di questa, superata una risalita di 10m, attraverso un strettissimo passaggio si giunge in una stanza che si divide in due rami chiusi su frana. Sul ramo di destra è stato
ritrovato un pezzo d' osso di dimensioni inusitate giudicato da esperti molto antico, probabilmente appartenente ad un rinoceronte lanoso. L'osso è ancora oggetto di studi.
Dal punto 32 del rilievo, una breve risalita conduce sopra la sala del fondo del Sogno Nero. Procedendo per altri 15m per un camino si raggiunge un trivio (punto 107). A sinistra, un passaggio in salita conduce ad un pozzo di 10m che da nuovamente sul ramo principale del Sogno Nero (punto 30).
Il ramo centrale del trivio è piuttosto ostico con strettoie molto impegnative. Termina dopo una trentina di metri in pozzo chiuso su frana.
Il ramo di destra conduce, dopo una serie di brevi pozzi, al fondo del Sogno Bianco (punto 114).

L'ingresso del Sogno Bianco si presenta come un antro ai margini del fondo di una grande dolina. Il primo tratto della grotta è una galleria in forte pendenza che si scende facilmente senza l'ausilio di corde. Si giunge quindi ad una piccola stanza: fin qui la parte presente nel vecchio rilievo. Una stretta condotta disostruita e percorsa da una notevole corrente d'aria, conduce ad un piccolo ambiente, da cui parte un camino che si supera facilmente in arrampicata libera. Sceso un pozzo di 25m, una serie di strettoie, allargate con una notevole opera di disostruzione, conduce al pozzo di 13m e al fondo del Sogno Bianco

NOTA:La grotta del Sogno Nero non era catastata, ma già parzialmente visitata dal CAI di Belluno come indicato da una targa posta ali' ingresso. L' esplorazione è ripresa dal GSVV nel febbraio del 2007.
La grotta del Sogno Bianco è catastata come pozzo presso il Bus della Lum. Nell'inverno 2008, il GSW, individuata una prosecuzione, seguendo la corrente d'aria e con notevole opera di disostruzione, riesce a congiungere le due grotte

Rilievo Pianta - Effettuato in data: 31-03-2008
Foto
Data dello scatto: 20-07-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Descrizione inquadratura: Ingresso 2 - Sogno nero
Data dello scatto: 20-07-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Bottoli Costantino

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Descrizione inquadratura: Ingresso 2 - Sogno nero
Data dello scatto: 26-06-2011

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Pierasco Alessandro

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile

Data dello scatto: 26-06-2011

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Pierasco Alessandro

Gruppo di appartenenza: GS SACILE - Gruppo Speleologico Sacile