Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2441 - Voragine a SE del Monte Matajur

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine a SE del Monte Matajur
Nome principale sloveno
Numero catasto 2441
Numero catasto storico 1099FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Savogna
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 050152 - Monte Glava
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5118450,0
Longitudine Gauss-Boaga 2407466,0
Latitudine WGS-84 46° 12' 36,379" (46,21010527)
Longitudine WGS-84 13° 32' 27,8829" (13,54107859)
Latitudine UTM WGS-84 5118426,5
Longitudine UTM WGS-84 387461,2
Quota ingresso 1420
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso
Profondità pozzo d'accesso
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 15
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 12.2
Dislivello totale 12.2
Quota fondo 1407.8
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Questa cavità si trova sotto il tavolato calcareo che discende a "terrazzi" dal Monte Glava e precisamente subito sotto il primo, dopo il sentiero che da Monte Matajur porta in Slovenia. La cavità è circondata da una fitta vegetazione ed è sovrastata da un banco calcareo che ne impedisce l'individuazione dal basso.
Descrizione dei vani interni della cavità Si può scendere in questa grotta anche senza attrezzatura in quanto la parte E è formata da un ripido declivio detritico. Sul fondo c'è abbondante materiale detritico, scaricato anche dalla paretina sovrastante, fanghiglia ed un deposito di neve.
La cavità è di scarso interesse speleologico, ma è particolare per il fatto che è l'unica ad essere impostata su di una frattura E-W; tutte le altre grotte invece, hanno direzione N-S.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 24-09-1972