Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2438 - Chiase dai Corvas

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Chiase dai Corvas
Nome principale sloveno
Numero catasto 2438
Numero catasto storico 1096FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Gemona del Friuli
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049101 - Gemona del Friuli
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5126376,2
Longitudine Gauss-Boaga 2377006,2
Latitudine WGS-84 46° 16' 32,4727" (46,27568685)
Longitudine WGS-84 13° 8' 38,394" (13,14399834)
Latitudine UTM WGS-84 5126353,0
Longitudine UTM WGS-84 357002,0
Quota ingresso 340
Data esecuzione posizione 01-08-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 1 m x 3 m
Tipo ingresso Riparo sottoroccia
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Romanin Rosa
Gruppo appartenenza CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 10
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo
Dislivello totale
Quota fondo 340
Vincolo paesaggistico Non definito
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Si prende un sentiero che parte da una casa di via Stalis, a Gemona, con un portone a grate di legno colore grigio, in direzione NE. Si prosegue per circa dieci minuti fino a quando il sentiero incontra la parete di roccia e volta a sinistra, salendo. Da questo punto bisogna risalire la parete rocciosa, di poca difficoltà, per circa quattro, cinque metri sino a raggiungere le tracce di un sentierino che porta alla "chiase dei corvas".
Descrizione dei vani interni della cavità Questa è costituita da una spessa muraglia che racchiude un'ansa naturale della roccia; si notano molte finestre e feritoie che fanno pensare che questo fosse un punto d'osservazione. Si può infatti vedere tutta la pianura e parte della valle del Tagliamento.
Dalle informazioni raccolte sulle leggende attribuite a questo posto, sembra che, proprio da qui furono avvistati i Turchi; nulla si sa a proposito di un brigante che, secondo altre leggende, avrebbe vissuto in questo luogo.
Rilievo Completo - Primo rilievo - Effettuato in data: 01-08-1970
Foto
Data dello scatto: 01-08-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano

Data dello scatto: 01-08-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Romanin Rosa

Gruppo di appartenenza: CSIF - Circolo Speleologico Idrologico Friulano