Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto Speleologico Regionale del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2397 - Caverna presso la Cisterna di Gropada

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Caverna presso la Cisterna di Gropada
Nome principale sloveno
Numero catasto 2397
Numero catasto storico 4810VG
Numero totale ingressi 1

Scopritori
Data scoperta 12-10-2003
Scopritore Radacich - Maurizio (Edy)
Gruppo scopritore CAT - Club Alpinistico Triestino
Note scoperta Scoperta presso l'Archivio

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110113 - Padriciano
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5057572,9
Longitudine Gauss-Boaga 2430056,2
Latitudine WGS-84 45° 39' 56,3923" (45,66566453)
Longitudine WGS-84 13° 50' 42,9851" (13,84527365)
Latitudine UTM WGS-84 5057550,0
Longitudine UTM WGS-84 410050,0
Quota ingresso 378
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione Incerto
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Galleria
Profondità pozzo d'accesso
Autore posizione Benedetti Gianni
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 35
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 1.5
Dislivello totale 1.5
Quota fondo 376.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta Non definito
Ostruzioni interne Si
Cavità attrezzata
Introvabile Si
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Nella posizione segnata a catasto non si trova alcunché.
Da dati storici in possesso del GTS è stata fatta una nuova posizione che risulterebbe più conforme alla morfologia della zona. Con la nuova posizione della 2397 ci sarebbero solamente 40 m di distanza dalla Grotta ricovero antiaereo di Gropada (7449/6424VG). Si può affermare pertanto, anche in base alle descrizioni e al confronto dei rilievi che si tratta di una grotta doppia.

Descrizione per la 7449 (doppia):
Grotta che si trova in proprietà privata oggi ostruita.
Descrizione dei vani interni della cavità Questa cavità è una bassa e larga caverna il cui tratto iniziale, sulla sinistra, presenta dei rudimentali lavori di adattamento (un muretto di contenimento). Solo nella parte centrale, in corrispondenza con l'incrocio di una frattura NE-SW, è possibile rimanere eretti.

Descrizione inserita per la 7449 (doppia):
E' stato possibile rintracciare il luogo nel quale si apriva l'ingresso di questa grotta, grazie alla testimonianza della signora Maria Calzi di Gropada.
La cavità è ostruita a causa del riempimento di materiale di riporto effettuato dall'attuale proprietario del terreno, negli anni '70.
La grotta, essendo posta nei pressi del paese, venne adattata, durante la seconda guerra mondiale, ad opera degli abitanti di Gropada a ricovero antiaereo.
Racconta la signora Maria che, all'epoca, il foro d'accesso alla grotta era molto stretto. Il padre della signora Maria fu scelto, a causa della sua corporatura mingherlina, per effettuare l'esplorazione. Venne legato con una corda ed a stento riuscì a scendere il breve pozzo d'accesso.
La grotta si presentava formata da due cavernette collegate orizzontalmente tramite un cunicolo in discesa. Le cavernette vennero, per maggior sicurezza, puntellate con tronchi di pino ed il cunicolo di collegamento venne livellato tramite la realizzazione di scalini.
La cavernetta di sinistra non venne mai usata perchè, nonostante i puntelli in pino, non venne ritenuta sicura a causa di alcuni massi instabili presenti nella volta.
Durante il Natale del 1944, i bambini del paese realizzarono, in una nicchia della grotta, un piccolo presepio.
Nel 1945, il supano (capovilla) di Gropada chiese al Comune di Trieste un contributo per aver realizzato, a sue spese, il ricovero antiaereo.
Nel marzo 1945, il Comune di Trieste inviò sul posto i propri tecnici per constatare il lavoro svolto. In quella occasione venne redatto il rilievo della cavità.
Presso l'Archivio Generale della Città di Trieste, c'è un'ampia documentazione sulla relativa pratica di contributo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 26-01-1974
Foto
Tipo inquadratura: Ingresso

Descrizione inquadratura: Ingresso Autore: Archivio Generale della Città di Trieste.
Tipo inquadratura: Interno

Descrizione inquadratura: Un particolare dell'ingresso visto dall'interno Autore: Archivio Generale della Città di Trieste