Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2392 - Grotta presso Samatorza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta presso Samatorza
Nome principale sloveno
Numero catasto 2392
Numero catasto storico 4805VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Sgonico / Zgonik
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110012 - Samatorza
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5067622,0
Longitudine Gauss-Boaga 2420690,0
Latitudine WGS-84 45° 45' 17,3301" (45,75481392)
Longitudine WGS-84 13° 43' 22,8381" (13,72301058)
Latitudine UTM WGS-84 5067599,1
Longitudine UTM WGS-84 400684,1
Quota ingresso 227
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 16
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 48
Dislivello totale 48
Quota fondo 179
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Segnalate prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso L'ingresso, di forma rettangolare e dalle dimensioni di 1m x 50cm, si apre al margine del fondo di una vasta dolina. L'apertura è contornata in direzione W (interno della dolina) da masse di terra rossa mista a pietre instabili di varia dimensione. Il resto della dolina presenta un terreno più compatto con massi di roccia calcarea sotto uno strato sottile d'erba.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo d'ingresso di 7 metri, caratterizzato da un pittoresco ponte naturale ad 1,5 m di profondità, giunge in una stanza di modeste dimensioni con il fondo occupato da una grande massa detritica. Alla base della parete E della caverna è stata allargata una fessura verticale di 30 cm di larghezza per 20 cm di lunghezza, permettendo così la discesa nel secondo pozzo, profondo circa 25 m. Alla base di questo, si giunge in un'altra piccola caverna, dove sul lato N , da una fessura, sgorga un corso d'acqua. L'acqua presente forma numerosi laghetti di ridotte dimensioni e prosegue lambendo in forma di cascata, la parete N del successivo pozzo, profondo 13 m. Alla base di questo, il corso d'acqua scompare sotto un cospicuo accumulo di depositi fluviali alla profondità di 48 m. A testimoniare che il corso d'acqua è di natura perenne, il ritrovamento di un niphargus in uno dei laghetti e di altri in fondo al pozzo dove l'acqua scompare. Di notevole interesse inoltre, la presenza di un Tithanethes albus.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 15-10-1973