Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2388 - Grotta sulle pendici del Monte Orsario

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta sulle pendici del Monte Orsario
Nome principale sloveno
Numero catasto 2388
Numero catasto storico 4801VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Monrupino / Repentabor
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110062 - Monrupino
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5062586,9
Longitudine Gauss-Boaga 2428886,1
Latitudine WGS-84 45° 42' 38,2771" (45,71063252)
Longitudine WGS-84 13° 49' 45,5376" (13,82931601)
Latitudine UTM WGS-84 5062564,0
Longitudine UTM WGS-84 408880,0
Quota ingresso 364
Data esecuzione posizione 24-01-2016
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0.60 x 0.40 m
Tipo ingresso Pozzetto
Profondità pozzo d'accesso 1.7
Autore posizione Rodari Paola
Gruppo appartenenza GTS - Gruppo Triestino Speleologi
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 22.5
Dislivello totale 22.5
Quota fondo 341.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La grotta si apre su una spianata erbosa del Monte Orsario, a 70 metri circa dalla linea di demarcazione Italia-Slovenia.
Descrizione dei vani interni della cavità La cavità è costituita da una serie di pozzi, impostati su fratture NW-SE, resi complessi dalla presenza di ripiani e ponti di roccia. Il primo pozzo interno è diviso da due grandi ponti naturali che formano una sicura base d'appoggio (p.to 3 del rilievo). Al di sotto di questa, in direzione Sud, dopo un saltino do 2m, si trova un breve ripiano formato da massi, tra i quali un cunicolo strettissimo scende per alcuni metri (p.to 4 del rilievo). Questa è l'unica parte della cavità che presenta segni di una marcata erosione. Alla base del pozzo di 8,2m, si trova una caverna concrezionata, dal suolo argilloso, che si sviluppa in direzione NE-SW (p.ti 5-7 del ril.).
Il pozzo finale, di 2m, che si apre in caverna (p.to 6), è estremamente stretto e, tra i massi, sembra continui per ulteriori 5 m.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 21-03-1974
Foto
Data dello scatto: 24-01-2016

Tipo inquadratura: Esterno

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Descrizione inquadratura: Panoramica dell'ingresso
Data dello scatto: 24-01-2016

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi

Data dello scatto: 24-01-2016

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Rodari Paola

Gruppo di appartenenza: GTS - Gruppo Triestino Speleologi