Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2385 - Grotta ad E del Monte Belvedere

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Grotta ad E del Monte Belvedere
Nome principale sloveno
Numero catasto 2385
Numero catasto storico 4798VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Trieste
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110102 - Trieste Nord-Est
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5058218,0
Longitudine Gauss-Boaga 2428007,0
Latitudine WGS-84 45° 40' 16,3254" (45,6712015)
Longitudine WGS-84 13° 49' 7,8641" (13,81885115)
Latitudine UTM WGS-84 5058195,2
Longitudine UTM WGS-84 408000,8
Quota ingresso 327
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 16.5
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 17
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 23
Dislivello totale 23
Quota fondo 304
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre in una vasta dolina, presso il Km 10 della strada statale n.202 e precisamente oltre la Tarvisiana di fronte a Trebiciano.
Descrizione dei vani interni della cavità Questa cavità può essere considerata come un inghiottitoio temporaneo, ed in essa si riversa, quando piove, un torrentello che scende dalle pendici del Monte Calvo. Nella cavità si notano marcati segni di erosione e notevoli depositi di fango e detriti portati dall'acqua. L'ambiente è molto vasto ed è caratterizzato da grosse frane.
Nel 1976 la Società Adriatica ha aperto, tra i massi di frana alla base del pozzo principale, l'ingresso di un pozzo interno, di 5 metri di profondità, alla cui base si notano vari punti di assorbimento. La cavità è impostata su tre fratture parallele con direzione N-S.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-12-1976