Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2371 - Pozzo 1° di Cima Carnizza

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo 1° di Cima Carnizza
Nome principale sloveno
Numero catasto 2371
Numero catasto storico 1081FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Attimis
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 067014 - Forame
Tipo posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5116533,0
Longitudine Gauss-Boaga 2394103,0
Latitudine WGS-84 46° 11' 25,872" (46,19052)
Longitudine WGS-84 13° 22' 6,3306" (13,36842517)
Latitudine UTM WGS-84 5116509,7
Longitudine UTM WGS-84 374098,4
Quota ingresso 850
Data esecuzione posizione
Affidabilità posizione
Stato ingresso Ostruito
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 9
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 14
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 20.5
Dislivello totale 20.5
Quota fondo 829.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si trova sul Monte Carnizza, sopra la borgata di Clap. E' facilmente raggiungibile partendo dal piccolo monumento che si trova al bivio della strada che sotto Carnizza porta all'abitato di Subit; da lì si sale, si piega a destra e si raggiunge quindi la cima. Poco dopo s'incontra una vasta dolina ricca di rocce affioranti e ad Est, superati alcuni cespugli, si entra in una zona erbosa nella quale c'è un piccolo avvallamento presso cui si apre la grotta.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso della cavità, tuttora molto angusto, è stato disostruito con una lunga opera di scavo, ma in realtà l'ingresso originario si trova sulla verticale del primo pozzo ed è ostruito da una grande quantità di materiale instabile che rende pericolosa la discesa.
Dopo alcuni metri dall'imbocco una fessura di 30-40cm dà accesso ad un pozzo profondo 9m, cui ne segue un altro di 8m. Nell'ultima parte sono presenti notevoli quantità di materiale detritico, con clasti anche di notevoli dimensioni, parzialmente cementato da argille grige. Le pareti sono segnate dall'azione dell'acqua che proviene dai declivi attorno la grotta.
La cavità è stata chiusa per sicurezza dagli abitanti della zona.