Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 237 - Voragine 1 sul Monte Pouiak

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Voragine 1 sul Monte Pouiak
Nome principale sloveno
Numero catasto 237
Numero catasto storico 195FR
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Prealpi Giulie
Provincia Udine
Comune Taipana
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 049122 - Monteaperta
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5125147,2
Longitudine Gauss-Boaga 2388885,1
Latitudine WGS-84 46° 16' 1,3" (46,26702778)
Longitudine WGS-84 13° 17' 54,4" (13,29844444)
Latitudine UTM WGS-84 5125123,8
Longitudine UTM WGS-84 368880,7
Quota ingresso 588
Data esecuzione posizione 09-12-2007
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 0,6m x 0,5m
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 13.5
Autore posizione Marizza Simone
Gruppo appartenenza CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 17
Dislivello totale 17
Quota fondo 571
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso No
Prosecuzioni Non visibili prosecuzioni
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso La cavità si apre in zona boschiva a medio ed alto fusto, sopra un pendio molto accentuato, a sinistra del sentiero che da Casa Poiana porta a Casera Pouiac.
Descrizione dei vani interni della cavità Il pozzo si apre in località Pouiac lungo un pendio boschivo. Al momento del ritrovamento l'ingresso era ostruito da un grosso albero che cresceva proprio nel mezzo, l'entrata era rappresentata da una stretta fessura che, dopo aver tolto l'albero è stata allargata con un duro lavoro di scavo. L'ingresso rimane comunque molto stretto.
Molto probabilmente si tratta della cavità contrassegnata dal numero di catasto 237/195 FR. Infatti i vani interni corrispondono alla descrizione fatta dal De Gasperi nel 1910.
DA: G.B. De Gasperi (1910)
La voragine si apre in un prato con una bocca assai stretta che si affaccia su di un pozzo profondo 13 m, scavato nel calcare arenaceo
eocenico. Un salto di 5 m sormontato da un ampio e alto camino mette poi fine alla cavità.
Rilievo Completo - 1:100 - Effettuato in data: 09-12-2007
Foto
Data dello scatto: 08-01-2012

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Data dello scatto: 08-01-2012

Tipo inquadratura: Ingresso

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer

Descrizione inquadratura: panoramica dell'ingresso
Data dello scatto: 08-01-2012

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Tavagnutti Maurizio

Gruppo di appartenenza: CRC SEPP. - Centro Ricerche Carsiche Carlo Seppenhofer