Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2349 - Pozzo a SE del Monte Bitigonia

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo a SE del Monte Bitigonia
Nome principale sloveno
Numero catasto 2349
Numero catasto storico 4781VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta Si
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:5.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione Aggiornamento Posizione
Metodo rilevamento STRUMENTALE -> GPS
Latitudine Gauss-Boaga 5069427,0
Longitudine Gauss-Boaga 2419226,8
Latitudine WGS-84 45° 46' 15,0384" (45,77084401)
Longitudine WGS-84 13° 42' 13,7761" (13,7038267)
Latitudine UTM WGS-84 5069404,1
Longitudine UTM WGS-84 399221,0
Quota ingresso 231
Data esecuzione posizione 15-03-2015
Affidabilità posizione Corretto
Stato ingresso Agibile
Dimensione stimata ingresso 90 x 40 cm
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 30
Autore posizione Petruzzi Marco
Gruppo appartenenza SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 5.6
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 32.5
Dislivello totale 32.5
Quota fondo 198.5
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Il pozzo si apre sul fianco sinistro di un antico corso d'acqua che sfocia in un inghiottitoio ostruito. Per raggiungerlo bisogna percorrere per circa 700m la vecchia strada per Boriano, a partire dal bivio con Comeno, finchè sul fianco destro della strada s'incontra una grande dolina nella quale, in direzione SE, termina il solco sopra citato. Risalendo tale solco, dopo aver attraversato un sentiero ormai abbandonato, si incontra una pineta: proseguendo ancora per 50m nella stessa direzione si arriva all'imbocco della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità L'ingresso del pozzo è una stretta fessura che si restringe ulteriormente a circa 2m di profondità e quindi si allarga raggiungendo le dimensioni di 2m x 3m che si mantengono invariate fino al fondo. Le pareti sono segnate da una forte corrosione ed a circa 12m di profondità si trova un terrazzino con una breve rientranza; al fondo, ricoperto da detriti la cavità prosegue con un pozzetto ostruito a 2m di profondità, al fondo del quale si intravede comunque un eventuale proseguimento; un'altra fessura impraticabile si apre a circa 1m dal fondo.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 08-05-1973
Foto
Data dello scatto: 15-03-2015

Tipo inquadratura: Targhetta o numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner

Data dello scatto: 15-03-2015

Tipo inquadratura: Ingresso con numero identificativo

Autore foto: Magrin Enrico

Gruppo di appartenenza: SSC LINDNER - Società di Studi Carsici Antonio Federico Lindner