Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Aquila
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Testo
Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia - Home
Proteo
Proteo
entra/registrati
Il catasto grotte
Elenco grotte
Ricerca semplice
Ricerca su mappa
Segnala cavità
Aggiorna cavità
Conversione coordinate

Catasto regionale delle grotte del Friuli Venezia Giulia

Home » Il catasto grotte

Cavità n° 2318 - Pozzo nella Cava presso la Caverna Lesa

Opzioni cavità:

Nomi e numeri catastali
Nome principale Pozzo nella Cava presso la Caverna Lesa
Nome principale sloveno
Numero catasto 2318
Numero catasto storico 4750VG
Numero totale ingressi 1

Posizione ingresso principale
Presenza targhetta No
Area geografica Carso Triestino
Provincia Trieste
Comune Duino-Aurisina / Devin - Nabrežina
Tipo carta 1:25.000
Carta CTRN 1:5.000 110013 - San Pelagio
Tipo posizione Prima Posizione
Metodo rilevamento GRAFICO -> Riconoscimento su carta
Latitudine Gauss-Boaga 5068120,0
Longitudine Gauss-Boaga 2418537,0
Latitudine WGS-84 45° 45' 32,3375" (45,75898265)
Longitudine WGS-84 13° 41' 42,8313" (13,69523091)
Latitudine UTM WGS-84 5068097,2
Longitudine UTM WGS-84 398531,2
Quota ingresso 230
Data esecuzione posizione 31-03-1973
Affidabilità posizione Da verificare
Stato ingresso
Dimensione stimata ingresso
Tipo ingresso Pozzo
Profondità pozzo d'accesso 7
Autore posizione Bone Natale
Gruppo appartenenza CGEB - Commissione Grotte Eugenio Boegan
Caratteristiche
Sviluppo planimetrico 12
Sviluppo spaziale
Estensione
Volume
Metodo calcolo volume
Dislivello positivo
Dislivello negativo 30
Dislivello totale 30
Quota fondo 200
Vincolo paesaggistico
Stato della cavità
Esplorazione in corso
Prosecuzioni Prosecuzioni inaccessibili
Cavità distrutta
Ostruzioni interne
Cavità attrezzata
Introvabile
Descrizione
Breve descrizione del percorso d'accesso Questa cavità si apre nelle vicinanze della cava presso la Caverna Lesa (o Lesa Pecina). Per raggiungerla è necessario risalire la strada che all'altezza della casa n°71 si diparte dalla provinciale per San Pelagio verso la collina delle fornaci di calce. Si percorrono circa 1000 metri e si giunge al piazzale della cava, dove sulla sinistra della strada è possibile vedere la china cespugliosa ed ingombra di rifiuti della Lesa.
La grotta si apre sotto una parete di sbancamento alta circa 14 m, molto fessurata, con abbondanti intrusioni di calcite appartenenti alla parte superiore della cavità.
Descrizione dei vani interni della cavità Quando iniziarono i lavori di estrazione del calcare, si aprì una piccola cavernetta, molto concrezionata, che immetteva in un pozzo, allora inaccessibile.
Con l'abbassamento, di circa 7 metri, della trincea di sbancamento l'imbocco del pozzo divenne agibile.
La cavità è impostata su fratture ad andamento NW-SE.
Dopo la strettoia iniziale, il pozzo si allarga e le pareti e la volta sono alquanto concrezionate (pur mancando le formazioni stalattitiche). Dopo qualche metro di discesa il pozzo diventa perfettamente verticale e, mano a mano che si scende, si vedono cessare le concrezioni ed il calcare diventa sempre più compatto.
La forma del pozzo è molto regolare tranne verso il fondo, dove assume un aspetto più allungato ed irregolare dato dall'incrocio di alcune fratture ben visibili dal fondo.
La base del pozzo è quasi orizzontale ed è costituita da detriti precipitati nell'interno durante i lavori di allargamento della strettoia e da uno strato cospicuo di sabbia fangosa prodotta dal taglio dei banchi di roccia con le seghe a filo elicoidale: non è escluso che questo materiale non abbia ostruito qualche passaggio ora sconosciuto.
Dalla parte opposta dal punto di arrivo si nota un alto camino che rappresenta l'unico proseguimento di questa grotta. Le pareti per una decina di metri sono facilmente arrampicabili e presentano tracce di erosione anche recente. Si nota un'assoluta mancanza di calcite ed una marmitta in formazione. Soltanto nel punto più alto raggiunto si osserva qualche bassa formazione stalagmitica. Da questo punto le pareti diventano verticali e non sono più scalabili, mentre la volta si intravede una quindicina di metri più in alto, di forma molto irregolare e forata da camini.
Fuori della sezione del rilievo, nel punto più alto raggiunto, si apre lateralmente, nella parete, un pozzetto d'erosione profondo circa tre metri, che continua verticalmente ancora per qualche metro diventando però assolutamente impraticabile.
Rilievo Completo - Effettuato in data: 31-03-1973